1KG di Prosciutto di Pecora Abruzzese

58,08 iva inclusa

1 KG di PROSCIUTTO DI PECORA

Il Prosciutto di Pecora altro non è che un Coscio di pecora con lo stinco, salato e aromatizzato con erbe selvatiche e un po’ di peperoncino.

Descrizione

PROSCIUTTO DI PECORA

Possiamo definire il prosciutto di pecora, come una coscia di pecora con lo stinco, che viene salata ed aromatizzata con erbe selvatiche e peperoncino, per poi essere lasciato stagionare più o meno per 6 mesi. Quando il processo di stagionatura si conclude, l’alimento si presenta come un piccolo prosciutto che ricorda molto i “Violini di capretto” Alpini.

Per assaporare appieno il prosciutto di pecora, bisogna  affettarlo con un’affettatrice manuale e bisogna fare questa operazione subito prima di consumarlo, per sfruttare al massimo le proprietà organolettiche. La pasta è compatta dal colore rosso acceso e il sapore è molto intenso, tipico dei sapori di montagna. Questo alimento si può condire con olio, limone e rucola, ma è ottimo anche se lo si accompagnato ad un formaggio fresco oppure insieme ad altri affettati.

prosciutto di pecora

Prosciutto di pecora, caratteristiche organolettiche

Il profumo di questo prosciutto è molto simile a quello del formaggio pecorino. È un prodotto dal sapore molto dolce e intenso, appena in bocca si scioglie subito sul palato. Se il prosciutto di pecora lo si vuole gustare al massimo della sua morbidezza, bisogna consumarlo dopo 3/4 mesi dalla maturazione, altrimenti dobbiamo aspettare i classici sei mesi. Altra caratteristica importante riguarda i  residui di questi prosciutti (quelli stagionati) che vengono disidratati , grattugiati ed infine amalgamati con l’olio per poi essere utilizzati come un ottimo condimento per la pasta.

prosciutto di pecora

Come si prepara la coscia di Pecora?

ecco un tutorial di macelleria rigamonti che ci spiega come fare :

ALCUNE INFORMAZIONE SULLA PECORA :

La pecora è un mammifero che proviene dalla famiglia dei Bovidae.

Questo animale viene addomesticato ormai da molto tempo ed è diffuso ormai in ogni continente. La sua vita si svolge quasi sempre in greggi,  e per gestire queste masse di pecore l’uomo si affida quasi sempre a cani pastore, che difendono le pecore anche da attacchi di animali feroci.

Il nome pecora viene dato alla femmina adulta, mentre, per quanto riguarda il maschio di questa specie viene chiamato montone (o  ariete), ed infine il piccolo viene chiamato agnello, fino al raggiungimento di un anno di età.

COME SI STABILISCE L’ETA’ DI UNA PAECORA?

Per stabilire quanti anni ha una pecora, non bisogna far altro che osservare il grado di usura degli incisivi, che si trovano esclusivamente nella mandibola (caratteristica dei bovidi). Gli agnelli appena nati, hanno  soltanto otto denti da latte, che sono però provvisori, infatti, appena compiuto un anno  gli incisivi frontali vengono sostituiti da incisivi  permanenti. Al secondo anno di età, spuntano altri due incisivi permanenti e dopo il terzo anno la dentizione permanente cambierà totalmente per arrivare poi agli otto incisivi definitivi.

La pecora fa parte dei mammiferi in quanto allatta i suoi piccoli , è un artiodattilo per la presenza di un numero pari di dita , è un ruminante in quanto abitualmente rumina del cibo, ed in fine è considerato un cavicorno ,  per la caratteristica di possedere corna vuote.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “1KG di Prosciutto di Pecora Abruzzese”